ANMIC - Comitato provinciale di Bergamo

via Autostrada n.3, Bergamo. Vedi cartina
Orari della segreteria:
lun/mar/giov/ven. 8.30 -12.00 | 14.00 -17.30. - Mer. e sab. 8.30 - 12.00
Posta ordinaria: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo Posta certificata: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo



L'ANMIC non ha incaricati che vengono a casa vostra per chiedervi offerte o proporvi vendite. Se qualcuno viene da voi e vi chiede soldi per l'ANMIC è un truffatore: denunciatelo subito. Polizia (Tel. 113) Carabinieri (Tel. 112).

Cinquant'anni al fianco dei disabili

Home arrow Rivista | Oltre le barriere
Rivista | Oltre le barriere

Documenti

Ordina per : Nome | Data | Click [ Crescente ]
Quando leggerete queste note, i giochi saranno già fatti. La campagna elettorale e le elezioni saranno già concluse e forse già conosceremo la coalizione che governerà il Paese nei prossimi anni. Temo che saranno ancora vivi gli echi di una contesa che sembrava dovesse essere improntata su un confronto di idee, ma che in effetti si è via via incancrenita nel solito scambio di accuse, di colpe e di insulti. Avremmo voluto maggiore rispetto per le persone che stanno soffrendo per la crisi che si aspettavano offerte per la risoluzione dei problemi e di avere quindi gli strumenti per votare con coscienza…
Conosco il nostro presidente nazionale Giovanni Pagano da molti anni, ne ho sempre apprezzato la franchezza e la combattività; non mi sarei mai aspettato di leggere una sua lettera così dura indirizzata ai Presidenti del Senato, della Commissione Lavoro e Previdenza, della Commissione Igiene e sanità e a tutti i Capigruppo del Senato, scritta dopo aver abbandonato una Commissione a Palazzo Madama.
Sono stanco di sentire dire "Gli invalidi sono una risorsa", ma poi scoprire che nei fatti si cerca di metterli in cattiva luce con campagne mediatiche che denunciano i "falsi invalidi"con lo scopo di colpire quelli veri.
Senza scomodare i Maya e la loro "fine del mondo" entro il 2012, basta il più nostrano "anno bisesto, anno funesto" per ben delineare i momenti difficili che ci aspettano. Sarà ancora un anno di sacrifici, e non sarà l'ultimo.
Diversi anni or sono, i giornali riportarono la notizia che un sedicente "filosofo" americano aveva elaborato la teoria secondo la quale la forza del pensiero sarebbe in grado di condizionare la realtà, finanche di fermare le pallottole. Sosteneva la sua tesi in convegni con enfasi e convinzione, finché un giorno mise in pratica la sua teoria davanti ai suoi allievi, si sparò con una pistola e morì sul colpo. Di troppo ottimismo si può anche morire.
A forza di trattare gli stessi argomenti, ho paura di annoiare i lettori e di rischiare di essere preso per un "fissato", ma è un rischio che voglio correre perché ci sono temi che attendono da troppo tempo una soluzione. E' dal nostro Congresso provinciale dello scorso anno che insisto con il Comune di Bergamo perché siano adottate idonee delibere per permettere ai veicoli con il contrassegno dei disabili di parcheggiare gratuitamente e senza limiti di tempo negli stalli "a pagamento" (le famose strisce blu), come hanno già fatto numerose Amministrazioni.
27 gennaio si è celebrata la “Giornata della memoria” per non dimenticare l’Olocausto: il crimine più orribile che la mente umana abbia mai partorito. Dobbiamo ricordare che, accanto ai milioni di ebrei, i nazisti sterminarono anche milioni di altri esseri umani che avevano solo la colpa di essere giudicati diversi agli occhi delle ideologie razziali.
Care associate e cari associati, per l’articolo di fondo di questo numero di Oltre le Barriere ho deciso di riportare le considerazioni che mi sono servite per la mia relazione al IX Congresso Provinciale, perché anche coloro che non hanno potuto essere presenti possano conoscere la mia opinione e quella del Comitato che ha guidato l’associazione nell’ultimo quinquennio.
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Pross. > Fine >>
Risultati 1 - 8 di 39

Ricerca nel sito

Oltre le barriere

Progetto Diego